Base Mario Zucchelli

La stazione Mario Zucchelli è una delle due basi scientifiche italiane in Antartide. Costruita nel 1985, era conosciuta come Base di Baia Terranova per poi essere rinominata nel 2004 in memoria dell’ingegnere dell’ ENEA Mario Zucchelli. Sorge su un promontorio di roccia granitica nell’area Baia Terranova ed è sia un importante centro di ricerca scientifica che un nodo logistico strategico per altre basi e campi sia italiani che internazionali.E’ composta da magazzini,impianti,laboratori,alloggi e aree comuni per il personale che vi lavora.Dal 1985 ad oggi la stazione è arrivata ad ospitare 31 spedizioni scientifiche con una media di circa 300 ricercatori l’anno distribuiti in 3 turni.Il Programma Nazionale di Ricercche in Antartide affida la gestione della Stazione all’ENEA che ha il compito di far arrivare il personale, i mezzi e i rifornimenti in Antartide, nonché di condurre le azioni tecniche,logistiche dell’organizzazione delle  zone operative.Immagine12

La base è operativa per circa quattro mesi all’anno, nel periodo novembre-febbraio.Il ripristino della base dopo il lungo periodo di chiusura per l’inverno antartico è realizzato da un piccolo gruppo di personale costituito dal
tecnici specializzati dell’ENEA, e ufficiali delle Forze Armate. Verso la fine del mese di dicembre,quando le condizioni del ghiaccio marino lo consentono, la base viene raggiunta dalla Nave Italica con il suo carico di approvvigionamenti e attrezzature scientifiche.
Il 16 febbraio 2016 con la chiusura della base il Zucchelli, si è conclusa la Spedizione estiva e la nave Italica è ripartita per la Nuova Zelanda.

 .

No comments